Skip to content

Indagine mondiale sugli indicatori chiave per le tecnologie pubbliche di conservazione del sangue cordonale: A cura del gruppo di lavoro sul sangue cordonale della World Marrow DonorAssociation

Il gruppo di lavoro sul sangue del cordone ombelicale della World Marrow Donor Association ha creato un sondaggio per le banche del sangue del cordone ombelicale (CBB) con l’obiettivo di identificare e comprendere le principali procedure tecniche attualmente utilizzate dalle CBB pubbliche di tutto il mondo per quanto riguarda le unità di sangue del cordone ombelicale (CBU) disponibili per il trapianto di cellule staminali ematopoietiche non correlate. Queste procedure tecniche comprendono la raccolta, la (pre)lavorazione, l’imballaggio, l’analisi, lo stoccaggio e il trasporto di CBU. L’indagine era un sondaggio online creato con SurveyGizmo ed è stato completato individualmente da ogni CBB alla fine del 2017. Le informazioni sono preziose per i centri di trapianto, per le CBB e per l’industria globale della banca pubblica del sangue cordonale. In generale, da questa indagine possiamo concludere che la maggior parte delle CBB è all’altezza degli standard in termini di tecnologie CBB. Le aree di miglioramento comprendono l’accreditamento, l’aumento della standardizzazione dei test e la definizione di soglie di cellule nucleate totali per i test.
l’accettazione del CBU per uso pubblico. Inoltre, è necessario un consenso sul modo in cui le CBB operano in termini di prenotazione e rilascio per facilitare un accesso più semplice alla terapia.

Dall’indagine è emerso che, sebbene l’88% delle CBB partecipanti dichiari di essere autorizzato da un’autorità competente, solo il 50% riferisce di avere l’accreditamento FACT e il 19% l’accreditamento AABB. Come discusso in tre recenti documenti di Dehn et al, della Cord Blood Accociation e di Rocha, la selezione delle unità di CBU da parte di CBB che partecipano a programmi di accreditamento volontario di lunga data è stata ora inclusa nelle politiche di selezione delle unità di CB raccomandate come criterio di valutazione delle unità di CBU. Sulla base dei risultati del nostro sondaggio, questa sembra essere un’area in cui le CBB possono fare uno sforzo per migliorare. Un’altra politica di selezione dei CB raccomandata è l’utilizzo di unità impoverite di RBC. Con il 97% delle CBB che hanno risposto che stanno attualmente esaurendo le unità di RBC (in modo automatico o manuale), sembra che questa sia ormai una pratica standard in tutto il mondo. È inoltre essenziale disporre di un segmento allegato per la tipizzazione HLA di conferma.5,6 Attualmente il 95% dei CBB rispondenti ha almeno due segmenti allegati conservati con la CBU. Inoltre, nel documento della Cord Blood Association6 sono indicati i requisiti per l’analisi dei marcatori di malattie infettive (IDM). Tutti i test devono essere eseguiti sul campione di sangue materno. L’anti-HIV 1/2, gli anticorpi dell’epatite C, la sifilide e l’antigene di superficie dell’epatite B devono essere eseguiti di norma e il 100% delle CBB riferisce di eseguire questi test. Anche l’anti-CMV totale/IgG/IgM deve essere eseguito in modo standard e il 96% dei CBB riferisce di eseguirlo. Si raccomanda l’esecuzione standard del test anti-HTLV 1/2 e l’88% dei CBB riferisce di eseguirlo. Gli standard per la donazione di CB non prevedono la necessità di un secondo test per le principali malattie trasmissibili e in questa situazione diventa fondamentale eseguire i test utilizzando le tecnologie NAT. Come emerge da questa indagine, vi è un numero consistente di CBB che esegue test NAT, ma ancora il 16%-17% delle CBB che hanno risposto al questionario non esegue abitualmente questa analisi. È al di sotto degli standard che solo il 62% delle CBB è in grado di spedire un CBU in una settimana. Questo non soddisfa il concetto che una CBU sia una terapia pronta per l’uso. Per migliorare la velocità di spedizione, sarebbe necessaria un’armonizzazione internazionale tra le CBB. Inoltre, non c’è un’indicazione precisa su quando e come effettuare il test di rilascio su un segmento collegato. Anche questo genera un risultato non standardizzato tra le CBB. Questo è un campo in cui le CBB devono collaborare per facilitare l’accesso alla terapia. Solo il 42% delle CBB ha risposto di utilizzare una soglia di TNC >100x10E7 per accettare un CBU per uso pubblico. Gli standard contengono solo istruzioni sulla quantità di TNC che un CBU deve contenere alla fine del processo e menzionano solo che un CBB deve avere una politica per verificarlo. Dai risultati dell’indagine, non è possibile individuare il motivo per il quale una CBB dovrebbe bancare CBU con un basso numero di TNC, sapendo che questi hanno meno probabilità di essere richiesti. Negli ultimi anni è diventato più difficile sostenere una CBB di successo e forse le CBB dovrebbero prendere in considerazione solo le unità bancarie più grandi, perché sono più richieste. Alle domande sulle soglie di test per l’accettazione di un CBU per l’uso pubblico (post-elaborazione) è stato risposto un ampio ventaglio, con molte CBB che hanno risposto non applicabile o hanno lasciato la risposta in bianco. Pertanto, questa parte del questionario è inconcludente e difficile da interpretare. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che le domande erano poco chiare e difficili da compilare, oppure al fatto che non esiste un consenso nel campo della CBB sui valori soglia per questi test. Inoltre, gli standard FACT non specificano in quale momento del processo CBB debba avvenire la pre-valutazione della CBU. Tuttavia, le informazioni ottenute da queste domande sulle pratiche di pre-valutazione sono ancora rilevanti per le CBB. Per le CBB è importante in termini di benchmarking, di autovalutazione e di come una CBB definisce quali unità sono “bancabili”. Un tasso di risposta del 59% è considerato elevato per questo tipo di indagini, il che indica l’impegno della comunità CBB a rendere disponibili queste informazioni alle CT e alle altre CBB. Una cosa da tenere presente è che questi risultati erano aggiornati alla fine del 2017/inizio 2018. Poiché il campo della CBB è in rapida evoluzione, questi dati dovrebbero essere monitorati attentamente. Le direzioni future della raccolta di questo tipo di dati devono essere allineate agli standard FACT – Netcord settima edizione WMDA raccoglierà una versione sintetica di questa indagine nel 2020, in cui le CBB potranno inviare direttamente i loro dati al sito web WMDA Share.

CLICK here to read the full article

Facebook
Twitter
LinkedIn